Confronti Sardegna Nord Italia: chi è più assistito e aiutato?

22 aprile 2010 08:325 commentiViews: 8

119Sempre nella direzione di dare argometi per capire la Sardegna, riporto un dato che mi pare significativo. Si tratta della Spesa della Pubblica Amministrazione in conto capitale per investimenti e trasferimenti, al netto delle partite finanziarie, cioè degli interessi pagati dalle regioni. E’ un indicatore dello sforzo per lo sviluppo fatte dalle regioni e dallo Stato. In Sardegna, lo Stato concorre direttamente a questa voce per il 38,6% del totale, indirettamente con le Imprese Pubbliche Nazionali, con l’11,1%: totale 49,7%. In Lombardia, lo Stato concorre per il 33,3% e le Imprese Pubbliche Nazionali per il 16,3%: totale 49,9%. La Regione concorre per il 22,4%  e gli enti locali per il 20,7% in Sardegna: totale 43,1%; in Lombardia la Regione concorre per il 7,8% e gli enti locali per il 25,9%, totale 33,7%. Prima osservazione: lo Stato concorre agli investimenti per lo sviluppo della Lombardia più di quanto non concorra pe rla Sardegna, dove invece lo sviluppo è finanziato da Regione e Enti locali. Adesso andiamo a vedere il dato più da vicino: quanto spende la Pubblica amministrazione per investimenti e quanto per trasferimenti a imprese, famiglie e istituzioni? In Sardegna spende il 64,1% per investimenti e il 35,9% per trasferimenti (ricordiamoci, però, che essi sono sostenuti più da Regione e Comuni che dallo Stato); in Lombardia 81,4% per gli investimenti e 18,5% per i trasferimenti (ricordiamoci, però, che in Lombardia lo sviluppo è sostenuto più dallo Stato che dalla Regione e dai Comuni). Adesso si risponda: chi è più assistito?

5 Commenti

  • Franco Sardi

    Grazie per aver reso di evidenza pubblica dati che ho costantemente presenti nel mio lavoro, ma raramente mi sono sembrati patrimonio comune e condiviso.
    A quanto sostenuto, forse, meriterà aggiungere in futuro anche una valutazione comparativa tra le serie storiche di investimenti infrastrutturali a livello interregionale (sistemi di trasporto, sistemi idropotabili e simili) effettuati nel resto d’Italia con quelli realizzati da noi (ovviamente e correttamente in rapporto alla popolazione servita), per capire meglio cosa c’è realmente dietro le diverse velocità di sviluppo dei due ambiti territoriali.

  • Presnaghe de Karali

    L’ho sempre pensato che la palla al piede dello sviluppo del paese è il Nord. Anche noi dovremmo versare a Tharros l’ampolla con l’acqua del dio Tirso: con più stile se possibile.
    Grazie, Presnaghe de Karali

  • Salvatore Angelo Firinu noto Gallante

    Questo è quanto serve per smascherare quali siano gli intenti di Bossi e soci. Evidenziati i dati dovrebbero far riflettere chi ancora ” tifa” per la Lega. Queste comunicazioni andrebbero diffuse tra la gente perchè si rendano conto di quel che significa dare forza a chi rivendica i diritti del popolo sardo. Bravo Paolo.

  • Bravissimo, colpito ed affondato!! Infatti, i leghisti che tanto bramano il federalismo fiscale non capiscono che con la stesura attuale della norma sono la parte dell’Italia che sarà più penalizzata; il fatto è confermato dal tacere di Calderoli. A tal proposito un invito alla lettura dell’editoriale del Prof. Sartori sul corriere on-line di qualche giorno fà il quale, appunto, sottolineava il silenzio tombale sull’argomento nonostante le varie riflessioni da parte di politologi ed economisti. E’ inutile, forse ci si merita una classe dirigente del genere in cui l’ignoranza regna sovrana ed il populismo acceca. Bye :)

Invia un commento