Venite a Macomer sabato prossimo a parlare di libertà. C’è bisogno di sentire storie di uomini liberi. Questa è la storia di 4 sardi che hanno subìto per 27 anni un processo per droga rivelatosi totalmente infondato, basato su pentiti e agenti infiltrati. Possiamo pensare di costruire uno Stato diverso, una Nazione più civile? Certamente sì, la Sardegna. Imparare a dire “Noi” è il nostro dovere. Ricordiamoci sempre di votare dal 6 al 16 dicembre: www.primarias.eu, segui il pulsante Vota e in due minuti cambi la storia.
(LEGGI)

Idee chiare e molta passione. Non ci interessano i partiti in cui si milita. Ci interessa la libertà. Ci incontriamo a Macomer, sabato alle 10: un microfono, amicizia, visione, programmi, libertà e decisione. La birra è per dire che riusciamo a fare la rivoluzione con la cortesia di chi sa accogliere amici e avversari. Per favore, scaricate la locandina e fatela girare ovunque, anche in Australia. (LEGGI)

Ecco i candidati alle Primarias. Ci volevano fermare. Noi con i cellulari e i passaparola, loro con giornali, televisioni, apparati e burocrazie. Abbiamo vinto: i Sardi potranno dire la loro. Adesso al lavoro. Cominciamo da sabato 24, a Macomer, Centro Polifunzionale, ore 10, un solo tema: Nazione è libertà. Nessun simbolo di partito: un microfono e le voci degli uomini liberi: c’è chi sceglie di dipendere da Roma e Milano, e c’è chi difende la propria Nazione; c’è chi abbassa la testa per raccogliere l’elemosina e chi la alza per vedere lontano. (LEGGI)

Ieri è andato in onda per la prima volta lo spot sulle Primarias. Ho ricevuto moltissimi messaggi emozionati e emozionanti. Ieri in un’affollata assemblea a Quartu il clima era lo stesso e la cosa più interessante è che a volere combattere sono le persone adulte. Finalmente si è capito che più anni si hanno più si ha il dovere di donarsi, di sacrificarsi per costruire un nuovo ordine delle cose in Sardegna.
Ieri ho raccontato un episodio della vita di Gandhi (CONTINUA)

Noi siamo un progetto, non una banale candidatura. Ieri è stata convocata la conferenza del distretto sanitario di Ghilarza per discutere degli ospedali di Bosa e di Ghilarza. Presente il dott. Mariano Meloni, cireneo della sanità oristanese, ma senza poteri (…) Bocciata la conclusione della 4 corsie Sassari-Alghero. Ciò che si deve dire è che in Sardegna decide la Sardegna, ma se ci si specializza nel dire che prima di tutto c’è l’Italia, se ci si bea delle fasce tricolori, se si scatta sugli attenti appena un prefetto starnutisce, si finisce a vivere da subordinati e si perdono le strade, la faccia e l’anima.
(LEGGI)

Primarias: ma di che cosa avete paura?

Mai vista tanta paura di un voto libero, segreto e universale, che consenta a tutti di dire: «Sì, siamo una Nazione, adesso discutiamo del nostro futuro». I problemi dei dolori della sinistra di apparato sarda sono due: la Nazione sarda e il sottoscritto. Il primo è ineliminabile, sul secondo si può lavorare per eliminarlo, la storia è piena di padri sacrificati per i figli. Le nostre regole sono semplici: universalità, segretezza e libertà del voto (CONTINUA)

Bisognerebbe dire con chiarezza che si ha paura della libertà delle Primarias – Primarie nazionali della Sardegna.
Si ha paura proprio delle regole che le caratterizzano: apertura, universalità, segretezza e non ricostruibilità del voto, modernità. Non i clienti al voto, ma i liberi. Non in fila sotto il controllo dei padrini, ma da casa. Noi chiederemo il voto per dire che la Sardegna è una Nazione. Questo è il contenuto politico più importante per noi: affermare l’esistenza politica della Sardegna, dire all’Europa e al mondo che l’Italia dichiara nella sua Costituzione una cosa falsa. Non esiste solo la Nazione italiana, esclusiva, totalizzante, dogmatica e pervasiva.
Esiste la Nazione Sarda. (LEGGI)

Primarias: candidature entro il 18

Ieri il Direttivo nazionale del Partito dei Sardi ha preso atto della comunicazione tecnica della necessità di esercitare il voto on line per più giorni, concludendo tutte le operazioni il 16 dicembre. In ragione di ciò, il termine per la presentazione delle candidature è stata aggiornata da giovedì 15 alle 24 di domenica 18. (LEGGI)