Politica

Niente sprechi per la sanità

imagesIl Partito dei Sardi ha presentato una proposta di legge in Consiglio regionale per la riorganizzazione del sistema sanitario pubblico. Si può risparmiare e migliorare i servizi ai sardi. Basta volerlo fare. Ecco il resoconto istituzionale della conferenza stampa di presentazione. (MM)

Vogliamo lanciare una sfida ai partiti, in una materia delicatissima e importantissima come la sanità, perché prendano posizione e diano vita ad un confronto aperto.”

Lo ha dichiarato il segretario nazionale del Partito dei Sardi Franciscu Sedda presentando questa mattina in una conferenza stampa la proposta di legge sottoscritta dai consiglieri regionali del PdS Augusto Cherchi e Pier Mario Manca e predisposta col contributo degli esperti del partito.

Sedda si è poi soffermato sui punti qualificanti della proposta: “riduzione delle Asl da 11 a 3 con tagli significativi agli sprechi, centro unico di spesa con una proiezione di risparmio del 25% nell’arco di 3 – 5 anni, centrale unica per l’emergenza.”

Queste sono, per noi, le coordinate di un nuovo servizio pubblico di qualità, ha sintetizzato Sedda. Ma sul piano politico, ha aggiunto, “ci interessa mettere l’accento su un dato di fondo. I sardi pagano per intero i costi della sanità, ma non possono organizzarla e dimensionarla secondo le loro reali esigenze. Ci vuole insomma autogoverno anche in questo settore, come nell’energia e nella rete stradale ed questo è il concetto centrale dell’indipendentismo moderno: una comunità che si sa governare.”

Il consigliere regionale Augusto Cherchi, primo firmatario della proposta di legge, ha indicato concretamente lo schema della “sanità sostenibile” immaginata dal PdS per la Sardegna: “Tre aziende di livello regionale, una al nord, una al centro ed una al sud, due aziende ospedaliere, il Brotzu di Cagliaru ed il S. Francesco di Nuoro, ed infine le due aziende ospedaliero – universitarie di Cagliari e Sassari. La proposta prevede anche la riorganizzazione del servizio di emergenza del 118 con una centrale unica a Sassari ed un piano di riorganizzazione dei posti letto e della rete delle residenze sanitarie assistite”. Insomma, “c’è molta carne al fuoco”, ha concluso Cherchi, “fermo restando che la nostra non vuole essere l’unica proposta ed anzi speriamo che ne arrivino molte altre.”

Per Antonio Succu, uno degli esperti del Partito dei Sardi che ha lavorato alla proposta di legge, “i sardi spendono tanto per la sanità ma non hanno un servizio di buon livello. C’è molto da fare e molto da migliorare, anche tenendo conto che siamo una regione con una grande estensione territoriale e con una bassa densità di popolazione. Come migliorare? Innanzitutto rivedendo le 130 strutture complesse (o primariati) del nostro sistema, che forse non sono tutte utili, e poi aggredendo la spesa per beni e servizi, come è stato fatto con successo in altre regioni.”

(Af)

Proposta di legge sulla Riorganizzazione sanitaria della Regione