Assemblea costituente e Costituzione italiana: la libertà e la muffa

11 ottobre 2011 11:2711 commentiViews: 54

104Vi è un dato certo che molti sottovalutano sul tema della Costituente sarda. A Costituzione italiana vigente, e con il presidio che per essa esercitano la Corte Costituzionale e il Presidente della Repubblica, qualsiasi deliberato della Costituente sarda potrà mai parlare della sovranità del popolo sardo.
A questo proposito serve ricordare la sentenza 365 del 2007 della Corte Cotituzionale italiana, la quale ha cassato la Legge Regionale 7 del 2006 perché nel titolo «Istituzione, attribuzioni e disciplina della Consulta per il nuovo statuto di autonomia e sovranità del popolo sardo» si parla appunto di ‘sovranità’ e la Corte giudica “questo richiamo alla «sovranità» (del «popolo sardo», ma anche «della Regione», come si rinviene nell’art. 2 della stessa legge) costituzionalmente illegittimo per violazione degli artt. 5 e 114 della Costituzione e dell’art. 1 dello Statuto speciale sardo” (la citazione è tratta da questo  link). Insomma, per la Corte e per il Governo, che impugnò la legge sarda, l’unica sovranità ‘legale’ è quella del Popolo italiano e non è segmentabile. La Corte ha chiarito, lo dico agli autonomisti, che gli enti territoriali, pur esercitando funzioni molteplici, non sono dotati di sovranità. Punto. Ne consegue che l’autonomismo non è una cultura della sovranità ma della delega (se mai fosse necessaria questa precisazione).
Ci può essere dunque qualche dubbio sul fatto che convocare la Costituente per la revisione dello Statuto a Costituzione vigente è inutile? La revisione dell’attuale Statuto a Costituzione vigente è un fatto poco più che amministrativo, di mero efficientamento istituzionale, niente di più: per far questo basta e avanza il Consiglio regionale.
E allora? E allora, torno a dire, che dobbiamo convocare la Costituente sul tema della sovranità cioè sul tema vero, e darle il compito vero: fare una proposta di Costituzione italiana che presupponga la nostra sovranità e non solo quella dell’astrattamente unito popolo italiano. Ovviamente, fare una proposta di Costituzione italiana è un espediente legale per poter discutere liberamente di sovranità, liberi dai dogmatismi delle pance e sottopance della cultura amminstrativa italiana.
In fin dei conti a noi interessa solo questo: poter affermare la nostra sovranità. A Costituzione vigente non possiamo farlo, quindi, per poterlo fare, ci convochiamo per cambiare la Costituzione, ma in realtà ci convochiamo per fondare il presupposto di affermarci come popolo sovrano. E allora non bisogna fare errori, il più grande dei quali sarebbe quello di affidare la revisione dell’attuale statuto alla Csotituente. Sarebbe come affidare la gola dei nostri sogni alla lama della Corte costituzionale. Invece, affidiamo alla Corte il rassicurante percorso amministrativo che può fare l’attuale Cosniglio regionale, e, a parte, convochiamo un’assemblea costituente per riformare la Csotituzione in modo da poter parlare e decidere liberamente sulla sovranità, sulle tasse, sul territorio, sulla difesa, sul denaro. Il campionato dell’affermazione della nostra sovranità si gioca in due partite: una fuori casa (revisione dello Statuto a Costituzione vigente), una in casa (Costituente). Non facciamo l’errore di confonderle.

11 Commenti

  • Monaco Vincenzo

    “L’Italia è governata da autorità sovranazionali non elette, che non devono rendere conto davanti ai cittadini.” Draghi e Trichet indicano al non governo italiano i “decreti legge” necessari per evitare la bancarotta trascinando l’Europa nel dirupo del fallimento collettivo. “Cassandra Crossing” è attuale. Siamo nella non Democrazia. Organi “tecnici della Unione Europea” non si limitano ad iondicare parametri ma impongono soluzioni legislative urgenti da far ratificare nei Parlamenti vuoti di politica e di sovranità.
    Questi spunti derivano da un editoriale di Barbara Spinelli sulla Repubblica di oggi intitolato “I padroni dell’Europa”.
    Pensare di riformare la Costituzione italiana per infilare elementi di sovranità per la Sardegna è molto più aleatorio della evoluzione impressa ad un processo costituente di un nuovo Stato Sardo sognato nella prima bozza di una tesi congressuale ed indirizzato ad un “piccolo popolo” se raffrontato all’intera umanità e “senza risorse materiali” se considerato in una visione mondiale delle risorse disponibili ed esauribili e delle non regole di distribuzione equa ed etica tra tutti i cittadini del mondo. Il nostro popolo sardo rispetta la costituzione italiana ma è offeso ed oppresso dalla sua attuazione in termini di non diritti ma solo di doveri equitagliamente imposti. Dobbiamo ragionare in altri termini come sovrani della nostra terra e governanti di noi stessi nel nostro interesse e nell’interesse del mondo. Governanti veri e non autorità senza incidenza reale nelle decisioni strategiche e quotidiane. Non bastano le flotte aeree, navali e ferroviarie senza le capacità di rendere proficuo economicamente il patrimonio materiale ed intellettuale a nostra disposizione in una situazione libera veramente da colonialismo mascherato e sostenuto dai falsi paladini del difendere i sardi sui giornali, nei blog e nei discorsi senza incidenza nella vita quotidiana del nostro popolo. Iniziamo ad agire per affermare la vera democrazia sino al riconoscimento del nostro ruolo nel mondo e nel nostro stato sardo.
    Saludi a totus

  • Mario Pudhu

    Celedhu, ispero chi sias unu Celu mannu e no pitichedhu. Comente la bido? Intantu la depimus agabbare cun sos “slogans” e pessare chi sos Sardos, fusi, confusi, trasfusi e rifusi e fintzas profusi in totu sos termovalorizadores de s’Itàlia (dae sas iscolas, a sos partidos fintzas ‘democratici’ e mancari ‘rivoluzionari’ puru, a totu sos sindhacados cun totu su chi de bonu si lis depet ringratziare, e pro no faedhare de àteros termovalorizadores chi sempre a chisina e a ignorantes e peus puru, ca fintzas a tontos e ammammalucados, nos ant fatu), sos Sardos tenimus bisonzu mannu de èssere informados, educados a sa reponsabbilidade e a totu su chi de bonu ndhe sighit in donzi sensu, tenimus bisonzu de atzèndhere s’isperàntzia, ca ant fatu a chisina cussa puru, e sa fide in nois etotu netzessària che a s’ària chi respiramus. Tenimus bisonzu de pessare a s’indipendhéntzia no coment’e a un’acucada, unu meledu candho perdimus sa passiéntzia; ma coment’e a s’ideale colletivu prus realista zustu e netzessàriu pro èssere zente in logu nostru e no àinos de mola de leare a frunza in culu pro maghinare su trigu de su dimóniu. E no est cosa chi si faghet ne abboghindhe o iscrindhe “indipendhéntzia” e mancu nendhe una borta donzi pagos annos “Vota a inoghe”. Bi cheret istúdiu, mentalidade e cumportamentos de indipendhéntzia, contivizu in totu su chi faghimus o fintzas namus die cun die, siat coment’e pessones síngulas e siat coment’e amministradores a calesisiat livellu. Ti paret chi, cun totu su faedhare chi si faghet de “indipendhéntzia”, che apet discussione? Che unu pista pista lassadu a pagos chi si depent irdoare pro fàghere carchi cosa, ma sos intelletuales sardos tenent ancora su ruolu de sas concas de chibudha prudigada, ca mancu sirione nou bogant! Ti paret chi bi apet un’atentzione pro coltivare in sa zente e mescamente in sa zoventude sa cultura, sa mentalidade e su cumportamentu de sa responsabbilidade e de s’indipendhéntzia? E cheret fatu, ca de miràculos ndhe faghet solu Zesugristu, ma no nois, chi faghimus totugantos cosas modestas.
    Ite tio propònnere deo pro incarrerare s’indipendhéntzia? Dimandhedha: Ti paret coa séria chi una natzione dipendhente, dominada e disastrada puru pedat cosa – e coment’e chi siat sa prima borta chi lu faghet! – e su dominadore chi si unu torracontu tenet est a la tenner gai? Pro incarrerare s’indipendhéntzia andhat bene sa ASSEMBLEA COSTITUENTE de sos Sardos, de sa Natzione Sarda, autoconvocada, no “otriata” cuntzessa sa die chi li avassat tempus e gràtzias a su bonu coro de unu Parlamentu italianu atesu, surdu, tzegu a mescamente anzenu (fintzas si bi at carchi catedhu sardu suta mesa, o mancari subra) ma sempre “fedele nei secoli” che a sos menzus catedhos cun sa dignidade de sos catedhos. E Assemblea Costituente pro fàghere ite? Pro fàghere su chi faghent totu sas Assembleas Costitutziones chi no siant un’ingannu infame che a sas chi ant propostu su 2001 (si ammento bene) e chi ancora mi paret sunt chirchendhe de propònnere in Sardigna. Un’Assemblea Costituente depet fàghere sa Costitutzione de sa Repúbblica Sarda. De aprovare solu cun su votu democràticu e sovranu de sa natzione sarda autoconvocada, si no noche cherimus mòrrere ispetendhe un’autorizatzione chi s’Itàlia no nos at a dare mai. Tio cherrer bídere s’Istadu italianu si noche tzacat in galera ca faghimus riuniones e leamus detzisiones perfetamente pacíficas e democràticas! A donzi modu che depimus bogare e pònnere abbandha, innantis de totu dae conca nostra, dae manos e dae sa cusséntzia nostra, sa “I” de s’Infàmia chi nos at fatu a chisina e a birgonza. Podimus democraticamente “baipassare” s’Itàlia? Solu ca semus faghindhe sa figura de sos peus castigados semus ifatu de su bentu, ca sinono bi at logu fintzas fora de s’Itàlia pro nos fàghere intèndhere. Solu ca sa ‘classe’ política ‘sarda’ est impantanada in totu sos cuntzetos e imbóligos inganniles de sa dipendhéntzia semus in su peus disastru. Lassamus fàghere a sos chi ancora crent in sa dipendhéntzia su ruolu de pedidores pedulianos a sos peus surdos e alienos: mancari ant a tènnere bisonzu própriu de sa fortza chi crèschet fora de su “palazzo” pro chi si fetant a intèndhere carchi pagu pro ndhe batire, pesso, àteras promissas de malos pagadores chi si ponent suta de pes fintzas sa Costituzione issoro etotu comente sunt faghindhe cun nois Sardos. E fora de sas istitutziones italianas de su domíniu comente est sa RAS faghimus crèschere sa Sardigna indipendhente.
    Sos fusile (e gai totu sas armas, ‘rujas’ e biancas), si poto betare un’irrocu, chi si che los fichent in ogros cussos chi los fràbbicant e bendhent pro su sólitu dinari: nois tenimus bisonzu de cusséntzias onestas, líbberas e sintzillas frimmas e seguras (oe no ischimus mancu chie e ne ite semus!), tenimus bisonzu de manos faineras e impitzadas in totu sas òperas de sa paghe, faghindhe sa paghe, faghindhe sas fainas nostras pro nos campare e chirchendhe cun ideale frimmu e abbistu, tio nàrrere cun professionalidade, sa forma colletiva, natzionale, de èssere zente in logu nostru. Tocat a l’istudiare!!! Cheret istudiada!!! Ma ti paret chi siemus faghindhe custu? Ite ti paret chi semus semenendhe e coltivendhe in sa zente prus de disisperu e pedulianésimu o bàtoro tzarras ‘surdas’ e cuadas postas in carchi blog? Ti paret chi semus semenendhe isperàntzia e aficu, fide e corazu pro fàghere sos afàrios nostros? Semus isperendhe in su bentu!!! E fintzas cussu, e fintzas su sole, noche sunt furendhe sos afaristas de sempre, ca innòi seus iscallaus totus. Eco, comente naraus in campidanesu, cumentzaus a callai a ciorbedhu e arrexonai foras de totu is gàbbias e istitutzionis e partidus e sindacaus e sociedadis italianas de sa dipendhéntzia: provaus a pentzai ita totu depeus fai po èssiri genti nosatrus puru.
    Caru Celedhu, e totu is Celedhos, si de fusili ndi tenis calincunu fualiancedhu a mari, donadhu a ferru béciu e iscalladhu in funderia e faidhu a marra: ma gàrriga su ciorbedhu, gàrriga sa cusciéntzia ca cun custas feus mellus bèni.

  • tia cherrer ischìre, o mario pudhu, ite propones in betzes de su chi narat maninchedda.
    ite naras, leamos in manos su fusìle?
    o faghimos una leze e nos batizamos indipendentes dae cras?
    o pedimos a s’ONU de tenner una cadrea in sas natziones unidas?
    nandelu in paraulas pagas, tue comente la tias bìere s’istrada po lòmpere a s’indipendentzia?

  • Mario Pudhu

    Cundivido in prenu su chi at iscritu inoghe Carlo Vincenzo Monaco, chi no apo mai abbojadu e ne intesu prima de oe, ma chi mi agatat deunudotu de acordu pro su chi narat e isperat, nessi pro sos Sardos (ca nois no amus sa fortza de nos pònnere a faru de s’Umanidade, fintzas si s’istória no la zughet in busaca neune). Tio solu currèzere cussu «piccolo popolo senza ricchezze materiali» ca in peruna manera est sa cunditzione de sa Sardigna a ue sunt bénnidos totu sos colonizadores cun totu un’àtera idea ca totu àtera est sa realtade de sa Sardigna! E za no si che sunt torrados a manos líchidas! Sas richesas de sa Sardigna las iscoberint sos furones: nois Sardos las bidimus solu candho si che las ant leadas. E no tenzo peruna fide de dare a sa “classe politica” pro totu su chi ant dimustradu e dimustrant sos pulíticos sardos, fintzas si neune, e mancu issos, est unu fóssile e in s’istória bi at fintzas delincuentes chi si sunt fatos a santos. Ma no m’ispeto chi sos pulíticos sardos essant ne totu e ne medas cun sa “aureola”.
    Ma pro su chi narat s’On. Maninchedda a mie mi benit gana de che la furriare in contos de ríere. E mi dispiaghet. No lu fato ca mi dispiaghet e fintzas ca bi at meda prus de prànghere e a che la furriare in risu tiat èssere solu pro no lassare iscopiare is figaus.
    Naro solu una cosa: Maninchedda no resessit a ndh’essire dae sa gàbbia Itàlia. O fossis tenet tropu àteru de pessare. Ma a crere chi sos Sardos podimus «fare una proposta di Costituzione italiana» e fàghere sos furbos pro chistionare de “sovranità” ma chentza chircare sa nostra, chi podimus cun sas fortzas de unu púlighe fagher mòere un’elefante, est comente a no cumprèndhere chi sa PARTE (e cale parte!) est sempre prus pagu de su TOTU (e cale totu!). E no naro chi s’Itàlia nos tiat mandhare innoromala (custu za l’at fatu e l’est sighindhe a fàghere e at a ischire sempre chi tenet sa Sardigna totu sas bortas chi li bisonzat) ma nos tiat mandhare a cudhu logu, ca paret chi nois no amus cumpresu mancu it’est sa demogratzia. Custu si s’Itàlia resessit a si abbizare chi de Sardos si ndhe agatat ancora carchi ascruza o pimpirida, iscallaus e irfatos e irbentiados che àrculu ispaporadu comente semus. O fossis mancu si ndhe abbizat ca che semus istichidos in su pertusu sou, chi est cosa difítzile meda a bídere.
    De seguru no est prus pagu pistamentu de abba, cosa de inghiriagrastos chi peruna responsabbilidade crara cherent, a propònnere una “Costituente” pro pedire una “modifica dello Statuto” sempre a s’Itàlia coment’e chi siat cosa chi li serbit e coment’e chi tenzat tempus pro si ocupare de sas runzas nostras e no de sos casinos suos. Bella proposta pro nos sighire a leare in ziru cun sas manos nostras etotu! Chissaghi siat custa sa “sovranità”! Pro sighire a isperare in s’Itàlia nois Sardos depimus èssere o tzegos,o ignorantes, o macos o imbrogliones inganniles. Sempre e solu impitzados a pistare abba e sighire a prànghere. Sempre e solu irresponsàbbiles chi nudha imparamus mancu cun totu su disastru chi amus connotu e semus sempre prus connoschindhe. Semus ancora ponìndhennos sa manu in ogros nois etotu a bortas chi nos intret carchi filu de lughe! Male, On. Maninchedda! Tropu male!! E mancu male chi est indipendhentista! E no faedho de sos àteros.

  • In un mio commento su questo blog del 26 settembre avevo scritto: “In un recente convegno sul Federalismo fiscale della Università di Sassari un costituzionalista ha affermato che ormai le Regioni Speciali si dividono in due categorie: una categoria è quella delle Regioni che rivendicano continuamente una sovranità formale ma che regolarmente sono carenti nelle rivendicazioni economiche, nella capacità di visione strategica e nella capacità di spesa (e tra queste Regioni egli collocava la Sardegna): una seconda categoria, sostanzialmente costituita dalle Regioni Speciali del nord Italia (V.A., F.V.G. e T.A.A.) che, benché dal punto di vista formale rifugga (in genere, come metodo…) da rivendicazioni di tipo sovranitario, in realtà negli anni ha costruito un modello economico-sociale talmente efficiente da potersi considerare sostanzialmente come un modello di sovranità (certamente vi sono molte sfumature del ragionamento che andrebbero chiarite, ma il filo del ragionamento seguito dallo studioso è abbastanza chiaro).”
    Ecco, per riallacciarsi all’articolo odierno, è bene precisare intanto che il costituzionalista citato nel mio articolo è lo stesso citato in questo post (oltre che il mio stimatissimo ex relatore di tesi di laurea), che ritengo abbia titoli “ad abundantiam” per discutere di questi argomenti.
    Forse sarà meglio battersi duramente anche sugli aspetti sostanziali della “sovranità”, senza lasciarci troppo incantare dalle forme e dalle formule (che sono belle, ma spesso hanno il difetto di non essere convertibili in commestibili).
    Ciò premesso, una analisi molto simile a quella contenuta in questo articolo di Paolo era già contenuta nella Tesi congressuale della federazione di Sassari proposta all’ultimo Congresso Nazionale del Partito Sardo; ricordo che alcuni (inopinatamente) criticarono l’idea di proporre anche la revisione della Costituzione Italiana. Ora, alla luce anche di queste ultime riflessioni, si capisce meglio il senso di quelle indicazioni.

  • Sulla situazione della pastorizia e sull’incontro di Ozieri solo conferme di quello già
    Noto a tutti: Felice Floris e Prato sempre in cricca per i soliti pochi(?)
    E maledetti din-din. Bene hanno fatto le associazioni agricole a fare la denuncia apparsa oggi sui giornali sui finanziamenti dell’ex-assessore Prato per un intervento della magistratura e per una commissione d’inchiesta del consiglio regionale. Insomma si compra latte e si vendono i pastori. Da sempre! Da quando esiste la Sardegna. Per quanto riguarda la riforma della costituzione, quale riforma? Parliamone.
    Saluti.

  • Monaco Vincenzo

    Caro Paolo,
    trovo molto interessante questa riflessione sulla Costituzione Italiana, la sua capacità di fare baluardo alle aspettative e proposte di sovranità popolare a livello di regioni o macro regioni italiane e l’ipotesi “intelligente” di proposta di modifica della Costituzione italiana nella quale prevedere una sovrantà non solo del popolo italiano unito, come espediente legale.
    Ma se di espedienti dobbiamo parlare perchè non cercare una via più complicata e sicuaramente lunga, ma profondamente nobile ed altamente identitaria per il Popolo Sardo. Ragioniamo, anche se con brevi riflessioni sulla ipotesi di una evoluzione del popolo sardo come atto di amore verso il mondo, considerando la sovranità e la Indipendenza dello Stato Sardo come strumento istituzionale per raggiungere l’obiettivo che viene proposto al Popolo Sardo. Diceva Antoni Simon Mossa:
    “Storicamente siamo una Comunità Etnica distinta e omogenea, e in nome di questa realtà, reclamiamo i nostri diritti non solo di fronte all’Italia ma a tutto il mondo civile”. Attualissimo.
    Allora consideriamo il Popolo sardo come depositario del ceppo originario del Comunitarismo Popolare. Un popolo capace di affrontare il problema globale di tutti i popoli soprattutto di quelli oppressi subdolamente o con violenza. Il popolo che ha vissuto e vive un colonialismo millenario e che oggi subisce perché escluso istituzionalmente ed impossibilitato economicamente dal globalismo speculativo e dall’imperialismo militare e finanziario. L a consapevolezza piena di questa oppressione “falsamente democratica” fa del popolo Sardo il più adatto per la necessaria “evoluzione popolare” di cui il mondo ha bisogno per fermare ed invertire la deriva verso l’auto dissoluzione delle civiltà dei popoli del mondo.
    Esigenza necessaria per contribuire alla evoluzione ed alla Indipendenza istituzionale che permette di esercitare l’autogoverno e l’autodeterminazione a favore di se stessi e degli altri popoli, requisiti necessari ed indispensabili per diventare POPOLO PROTAGONISTA della più importante e vitale storia necessaria per il mondo.
    Riuscirà il popolo sardo ad impadronirsi di questo ruolo?
    Essendo l’unico con tutti i requisiti di popolo, diverso ma simile a tutti i popoli in Europa e nel mondo, si ritiene possa essere il più adatto a svolgere questo ruolo trovandosi oggi nelle posizioni istituzionali favorevoli.
    Su cosa possiamo a questo punto fondare la forza per raggiungere gli obiettivi legati ai doveri e riuscire a riequilibrare gli scompensi provocati dai diritti mancati? Sulla volontà popolare, non solo in termini di dichiarazione di volontà della indipendenza della Sardegna dall’Italia, sia pur nell’ambito di una ipotetica volontà di Federazione o Confederazione tra Regioni e nuovi Stati espressi da volontà popolari e riconoscimenti istituzionali. Non è possibile realizzare il Federalismo a tavolino o dagli scranni parlamentari, neanche quello fiscale. Manca in qualunque caso l’investitura popolare che modifichi costituzione, statuti e regolamenti. Bisogna stare attenti alle opportunità mascherate da polpette. Potrebbero essere avvelenate anche se offerte ben condite dagli amici più amici.
    A questo punto dobbiamo farci alcune domande? Ha il popolo sardo la forza necessaria per ottemperare ai doveri verso l’umanità? E’ capace il popolo sardo e la sua classe dirigente a governare tutti i processi necessari per raggiungere l’indipendenza dello Stato sardo e soddisfare con concretezza e dignità questi doveri? Il Popolo Sardo ha la volontà di assumersi queste responsabilità rappresentando il primo modello del nuovo equilibrio mondiale del periodo post contemporaneo? Rispondendo a queste domande affermativamente si predispongono le fondamenta del progetto di indipendenza del nuovo Stato Sardo, superando l’autonomia, il regionalismo, il meridionalismo e l’illusione del centralismo mediterraneo ed europeo. Non ci sono soluzioni di mezzo o mezze soluzioni funzionali ad obiettivi individuali, di gruppo, di partito o di partiti, di schieramenti e di nuove alleanze per l’occasione, tappe intermedie di modifiche autonomiste o sovraniste mascherate dalla parola indipendenza. La storia ed i suoi tempi non lo permettono più. E’ giunta l’ora di assumerci come popolo la globale responsabilità verso la storia, verso l’intera umanità e la nostra terra, perché come popolo sardo abbiamo veramente tutti i requisiti. E se tutto dovesse rivelarsi un fallimento , sarà la storia, quella che vivremo come sardi del mondo e per il mondo, a dimostrare che un piccolo popolo senza ricchezze materiali, in un’isola del mediterraneo ha tentato di seminare un nuovo modello di vita nel solco del XXI secolo.
    Non è il tempo del mercato delle riforme, ti chiedo indipendenza per ottenere più autonomia da chiamare “sovranità “, non è tempo di scimmiottare i siciliani o qualsiasi altro popolo d’Italia o d’Europa. E’ il tempo dell’azione del popolo sardo in grado di compiere un grande atto di amore verso il mondo?
    Spetta quindi anche alla classe politica dirigente non Indipendentista, di destra, di centro e di sinistra, prendere una decisione storica che considera anche l’indipendenza della Sardegna evitando che la prudenza li faccia traditori.
    Ma perché proprio il popolo sardo dovrebbe assumersi questa responsabilità? Perché potrebbe rivelarsi il “popolo eletto”. Lo spirito del Com’unitarismo è incarnato nel popolo sardo, anche oggi e lo dimostra la cosi detta “ospitalità dei sardi”. Non è soltanto ospitalità, è comunitarismo, accoglienza nelle comunità salvo verifica, apertura da confermare con la condivisione di regole di rispetto in apparenza banali, che confermano l’affidabilità che si scopre con i sensi e con il confronto nelle micro comunità del dialogo tra sardi ed in limba. La forza di questo comunitarismo, nonostante sia ancestrale nei sardi, è attualissimo per le necessità globali di cui necessita il popolo mondiale e tutti i piccoli e grandi popoli che lo compongono. Ne necessitano per poter recuperare quei valori positivi intimi e condivisi che costituiscono la saggezza delle collettività che hanno la volontà di andare avanti al di là delle oppressioni dei grandi interessi, dei bisogni superflui, degli sprechi inutili di natura, risorse e diritti negati, e soprattutto della annullata vita di milioni e milioni di persone nei tempi e nel tempo anche più recente. Un comunitarismo per una nuova vita degli esseri umani capaci di governare con nuovi modelli la vita attuale e quella futura. E l’indipendenza della Sardegna serve ai sardi per riscoprire e rivivere attualizzandolo, il patrimonio del nostro comunitarismo. Quindi, facendoci carico di avviare un processo di rinnovamento del sistema economico e sociale in termini etici, ponendoci come sperimentatori di ipotesi di nuovo sistema, ne deriva la necessaria riforma istituzionale in termini statuali per la nostra Sardegna e di Sovranità per il nostro Popolo, proponiamo l apiù innovativa soluzione di revisione di Costituzioni, Statuti e Assemblee Costituenti. Questo processo così delicato e difficile non può essere avviato che in rapporti federali con Popoli, Stati e Nazioni capaci di condividere il necessario rinnovamento etico del mondo e delle sue realtà regionali. In altro intervento, cercherò di approfondire come is dovranno coinvolgere gli altri popoli. Queste riflessioni sono comprese nell’impegno id una proposta di Tesi per il XXXII Congresso del Partito Sardo d’Azione che vorrei confrontare nelle sezioni, nelle federazioni e nei movimenti di ispirazione e convinzione Indipendentista. Con umiltà ed un profondo affetto. Vincenzo Carlo Monaco

  • L’unico fuori dal coro Gesuino Muledda la rovina della pastorizia sarda.

  • E poi, caro Marco, ho assistito alla più volgare mistificazione di tutte le indicazioni che demmo all’assessore e ne presi fortemente le distanze (se penso che fui io a introdurre le norme per rendere praticabile il de minimis e quelle sull’energia pe r i pastori, mi mangio le mani….); oggi vedo che anche i vescovi concorrono all’esaltazione delle mistificazioni. Per il resto, la nostra posizione è emersa chiaramente in occasione del dibattito in Aula sul cosnorzio Latte e in silenzio stiamo lavorando a costruire soluzioni e non elettorati. Mi fa piacere che abbiate invitato Gesuino: non condivido ciò che su di lui è stato recentemente scritto su un quotidiano e ho sempre trovato stimolante parlarci.

  • 15 ottobre 2011
    Sardegna: Terra della pastorizia ed agricoltura sostenibili

    Sedilo, Sabato 15 Ottobre, ore 10,00

    Cooperativa Pastori

    Sardegna: Terra della pastorizia ed agricoltura sostenibili

    Intervengono:

    Umberto Cocco, Sindaco di Sedilo

    Sergio Cossu, Coordinatore Cooperazione Reti Ecologiche del Mediterraneo

    Antonello Cannas, Università di Sassari

    Gian Pietro Carboni, Laore

    Gian Valerio Sanna, Consigliere regionale del PD

    Renato Illotto, Presidente CAO

    Giovanni Careddu, Allevatore

    Ignazio Sini, Direttore vendite 3A

    Gesuino Muledda, ex Assessore regionale dell’Agricoltura

    Coordina Giacomo Mameli

    DIBATTITO

    Conclude Renato Soru

    Chiedo cortesemente all’ Onorevole:
    Sardegna e liberta? e il Partito Sardo che Fa?
    Aveva fatto un incontro a Silanus nell’ era Prato e poi?.

  • Caro Maninchedda, di questi tempi temo che parlare delle cose è come scoperchiare il vaso di Pandora. Crede che si possa accedere a questa ipotesi di discussione senza temere che esploda tutto il nord ricco, grasso ed egoista e che non aspetta altro che mollare alla deriva il sud? Io mi terrei la costituzione vigente. Anzi, la difenderei con le unghie e con i denti in attesa di tempi migliori.

Invia un commento