Economia

Vedi altri articoli →

Cultura

Vedi altri articoli →

Tutte le notizie

Ma i giornalisti della Nuova Sardegna si conoscono tra loro?

24 aprile 2016 08:250 commenti
Ma i giornalisti della Nuova Sardegna si conoscono tra  loro?

di Paolo Maninchedda
Ieri mi telefona Alessandro Pirina della Nuova Sardegna e mi fa delle domande, cui rispondo con piacere (le trovate oggi nel taglio basso delle pagine 2 e 3).
Sopra queste mie risposte alle sue domande c’è un articolone di Luigi Soriga su un argomento su cui la Regione è in campo da mesi: la sicurezza degli spartitraffico installati nella Sassari-Olbia e, ahinoi, sulla SS 131.
Noi siamo molto informati sulla vicenda; abbiamo scritto, chiesto spiegazioni, controreplicato ecc. ecc.
La domanda è: ma ci voleva molto ad alzare il telefono e a chiedere che cosa ne sa la Regione di quella che si configura sempre più come una vicenda di riserva di esclusività su un prodotto datato, prodotta da cavilli burocratici del tutto italiani?
Tutto ciò premesso, non è vero che tutti gli appalti sono fermi. Sono fermi quelli comunali e provinciali e anche quelli dei consorzi di bonifica. Gli altri (Abbanoa, Anas, Enas, Area) stanno camminando. Io non capisco perché per stare bene ogni giorno, ormai, bisogna avere una cosa per cui indignarsi. Non è meglio avere una cosa al giorno su cui impegnarsi? Si vive meglio.

Leggi tutto ›

Le buche nelle strade e le scelte. Il degrado del no

23 aprile 2016 06:450 commenti
Le buche nelle strade e le scelte. Il degrado del no

di Paolo Maninchedda
I Comuni della Sardegna non hanno soldi per le manutenzioni ordinarie.
Il Bilancio della Regione non ha previsto un euro per manutenzioni, per le opere di interesse locale e per cimiteri, semplicemente perché c’è una sanità che vale oltre tre miliardi, ci sono i costi degli enti regionale ecc. ecc.
Le manutenzioni ordinarie non si possono fare con i mutui, ma la loro mancata realizzazione poi costringe a indebitarsi per realizzare le manutenzioni straordinarie.
Tutti i lavori pubblici delle pubbliche amministrazioni che abbiamo finanziato sono bloccati o rallentati dalle leggi di stabilità dello Stato italiano, in primis le norme sul bilancio armonizzato, oppure sono bloccate dall’incertezza della fase di transizione dal vecchio regime provinciale al nuovo.
Nel frattempo lo Stato sta incassando il bollo auto della Sardegna: 80 milioni di euro circa che vengono trattenuti

Leggi tutto ›

Di chi sono le nostre città? Con una postilla per i catastrofisti

15 aprile 2016 06:540 commenti
Di chi sono le nostre città? Con una postilla per i catastrofisti

di Paolo Maninchedda
Un modo per essere inclusivi è quello di essere adeguati, di far sentire la presenza di una visione non solo sui grandi progetti, ma sull’insieme delle piccole cose che cambiano la qualità della vita. Se l’ordinarietà funziona, la straordinarietà è più apprezzata. Il contrario non funziona. Anzi, spesso la realizzazione di grandi opere simboliche in aree disagiate è solo l’avviso di sfratto per i poveri, non certo l’avviso della soluzione dei loro problemi.

Leggi tutto ›

Ieri: con il Governo italiano serve un rapporto competitivo

11 aprile 2016 06:500 commenti
Ieri: con il Governo italiano serve un rapporto competitivo

di Paolo Maninchedda
I tempi moderni hanno abitudini antiche. Se si fanno le cose di domenica, non si viene seguiti bene dai media. Però, i tempi moderni consentono anche di non dipendere da nessuno. Come ha scritto un mio amico: la libertà di stampa è di chi ha un organo di stampa, e ciascuno di noi ormai lo possiede.
Tutti i rappresentanti dei territori provinciali hanno partecipato all’evento. (nelle foto: il prima e il dopo).

Leggi tutto ›

Domani Assemblea nazionale: documento e regole

9 aprile 2016 07:411 commento
Domani Assemblea nazionale: documento e regole

di Paolo Maninchedda
Domani si svolgerà al centro servizi Losa, all’altezza del bivio per Abbasanta-Ghilarza, alle ore 10, l’assemblea nazionale del Partito dei Sardi.
Giustamente la segreteria ha predisposto il documento politico che guiderà la discussione. Non parleremo di tutto lo scibile umano, ma delle tesi inserite nel documento e della relazione del Segretario.
Il documento è sul sito del Partito. Come potrete leggere, si tratta di un documento denso, impegnativo e che non nasconde la complessità del momento politico che stiamo vivendo, non ultimo il tema dei rapporti col Governo italiano.

Leggi tutto ›

L’Unione Sarda e me: per non far ripartire l’incendio

8 aprile 2016 07:480 commenti
L’Unione Sarda e me: per non far ripartire l’incendio

di Paolo Maninchedda
Nella foto trovate l’aereo che il Partito dei Sardi ha regalato al Presidente Pigliaru (domenica ad Abbasanta ci cantiamo No potho reposare a squarciagola).
Mi dispiace. Ecco, volevo dire solo questo: mi dispiace. Lo schizzetto di fango gratuito di oggi è fuori contesto, privo di fondamento, lontano dalla verità delle cose e stridente rispetto al fair play che l’Unione sta mantenendo da un po’ di tempo. Consideriamolo un incidente e chiudiamola qui, ma chiedo che si tenga conto che nessuno di noi è fatto di ferro.

Leggi tutto ›

Non è tutto sporco

7 aprile 2016 07:322 commenti
Non è tutto sporco

di Paolo Maninchedda
Mia figlia ieri, dopo il tg: «Pà, che ci fai tu lì. È tutto sporco».
Le braccia per terra.
Non è tutto sporco.
Il mondo e la Regione non sono “tutti pieni” di corrotti e corruttori.
Non è vero. Gli onesti sono molti di più dei disonesti, purtroppo sono stati resi invisibili.
C’è tanta gente che lavora molto più del tempo per cui è pagata.
C’è gente che si dedica al suo mestiere e alla Sardegna con forte senso del dovere e dell’onestà.

Leggi tutto ›

Voti nostri, voti chiari, voti onesti

5 aprile 2016 06:440 commenti
Voti nostri, voti chiari, voti onesti

di Paolo Maninchedda
Nel Consiglio metropolitano di Cagliari (cioè, per dirla in sardo e non in italiano, nella ricomposizione del municipio di Cagliari come era in origine) ci sarà anche un cosnigliere del Partito dei Sardi. È Paolo Schirru, eletto nelle lista dei partiti diversi dal PD e guidata da Sel.
Andiamo orgogliosi di questa elezione per diversi motivi.
In primo luogo perché è frutto di una collaborazione con altri partiti che stanno con noi in maggioranza alla Regione. Ottenere risultati in un perimetro di chiarezza è sempre un fatto positivo.
In secondo luogo, e soprattutto, perché non dobbiamo niente a nessuno, come già è successo a Olbia con le primarie. I voti presi da Paolo li ha cercati Paolo e sono voti nostri.

Leggi tutto ›

Auguri di Buona Pasqua (ricordando i giusti)

26 marzo 2016 08:060 commenti
Auguri di Buona Pasqua (ricordando i giusti)

di Annachiara Valle da www.famigliacristiana.it
Per continuare la sua opera e condannare l’idolatria del denaro, “il potere del denaro che sfrutta l’uomo più povero”. “Che chi ha condivida ciò che è e ciò che ha”, diceva Romero, e che “non continuino a tappare la bocca con la violenza a chi fa loro questo invito, né ancor meno continuino a uccidere coloro che cercano di ottenere una distribuzione meno ingiusta del potere e delle ricchezze nel nostro paese”.

Leggi tutto ›

Gli innocenti

23 marzo 2016 07:491 commento
Gli innocenti

di Paolo Maninchedda
Una cosa è certa: il male svela il suo volto peggiore nella morte degli innocenti.
Lo svela quando un bambino si ammala e muore.
Lo svela quando un folle esce per strada armato e uccide chiunque incontri.
Lo rivela quando alcuni sterminano un popolo nelle camere a gas o nei villaggi africani.
Il male esiste, ma non ha una dimensione metafisica (il Diavolo). No, il male è un fatto storico strettamente connesso con la natura umana.
Il problema è che non si educa più nessuno a combattere il male nella storia e dentro se stessi, ad avere coscienza della fragilità e, talvolta, crudeltà della natura umana.
Noi dobbiamo dire che non ci rassegniamo a questo stato di cose.
Noi vogliamo nuovi maestri.
Non rinunciamo ad amare, non rinunciamo a conoscere, non rinunciamo a lottare per essere migliori, liberi e il più possibile felici.

Leggi tutto ›

Noi abbiamo una bandiera

21 marzo 2016 06:360 commenti
Noi abbiamo una bandiera

di Paolo Maninchedda
Do un consiglio ai candidati sindaci delle prossime amministrative. Non si vincono le elezioni elencando le cose fatte. Nessuno le ha mai vinte solo con il racconto delle opere realizzate. Si vince se si spiega il perché del proprio agire, cioè se si racconta quale passo in avanti collettivo, di libertà e di felicità, si sta proponendo. La vittoria è legata molto spesso a un sentimento di coesione che si riesce a far scattare.
Secondo consiglio: non imitate Renzi. Sono sempre più patetici i candidati con le camicie bianche aderenti, i pantaloni stretti stretti, la battuta pronta, il piglio decisionista. Renzi è Renzi, ha costruito una sua immagine e un suo stile; i sardi che lo imitano confermano l’opinione di Dante che ci voleva privi di indipendenza creativa e capaci solo di copiare i gesti altrui come fanno le scimmie.
Detto questo a tutti gli altri, noi del Partito dei Sardi dobbiamo fare come abbiamo fatto a Olbia. Non abbiamo parlato prima delle proposte per Olbia e poi dell’indipendenza della Sardegna; abbiamo esattamente fatto il contrario.
Noi siamo Nazione.

Leggi tutto ›

A Olbia l’indipendenza va a due cifre

20 marzo 2016 07:060 commenti
A Olbia l’indipendenza va a due cifre

di Paolo Maninchedda
Ci è mancato un miserrimo 0,50 per arrivare a fare il 10% netto. Però il nostro 9,56 alle primarie di Olbia è un grande risultato.
In primo luogo perché abbiamo partecipato come partecipano i partiti: con un nostro candidato e non appoggiandone uno degli altri.
In secondo luogo perché non ci siamo nascosti: noi abbiamo detto e ripetuto di essere indipendentisti, abbiamo chiesto il voto su un’idea di Olbia (l’unica organicamente illustrata durante il mese di campagna elettorale) che sta dentro un’idea dello Stato sardo.
In terzo luogo, perché abbiamo cercato i voti senza scambiare alcunché, senza promettere nulla, senza ricordare i favori fatti a nessuno. I nostri voti sono voti di contenuto, non di scambio, non di storia, non di potere. E valgono il 10%.

Leggi tutto ›

Da giovani picchiati dalla polizia a presidenti della Regione: il non detto del viaggio in Corsica

15 marzo 2016 07:061 commento
Da giovani picchiati dalla polizia a presidenti della Regione: il non detto del viaggio in Corsica

di Paolo Maninchedda
Quando ieri mattina alle 8 abbiamo varcato, mentre la città si svegliava, la sbarra d’ingresso del palazzo della Regione, Gilles Simeoni ha raccontato a me, a Modesto Fenu e a Tore Terzitta (gli unici svegli della delegazione sarda a quell’ora) che 25 anni fa, proprio intorno a quella sbarra loro avevano subito una carica della Gendarmerie (Gilles era tornato a casa scalzo e pesto) perché protestavano a favore dell’uso ufficiale della lingua corsa. L’attuale presidente della Corsica è stato scalzo e oggi ha scarpe istituzionali; non bisogna avere paura dei propri ideali. Ieri, sui tavoli delle delegazioni, nell’atrio d’ingresso del palazzo della Regione, non c’era una sola bandiera francese ma solo quella sarda, quella corsa e quella europea. Mi sono sentito a casa.

Leggi tutto ›

Perché le novità vengono dal mare?

3 marzo 2016 06:571 commento
Perché le novità vengono dal mare?

di Paolo Maninchedda
Che cosa significa tutto ciò? Significa che è finito il tempo delle tariffe nel settore dei rifiuti stabilite dalla Regione o da enti intermedi ed è finito il tempo delle mille tariffe stabilite a membro di segugio. Significa che per occuparsi di servizi pubblici occorrono manager di alto livello, esperti di settori regolati e non solo di diritto amministrativo. Significa che il Governo italiano sta anticipando un’innovazione importante e che noi siamo un po’ immobili, bloccati da mille interdizioni, da gelosie, da sospetti, insomma dal peggio della peggiore tradizione localistica. Significa che a breve il governo ci imporrà la multiutility e che ci dirà pure come farla e quando farla. E a me si girano le eliche, perché noi abbiamo la cultura, le competenze, le risorse e la determinazione per produrre l’innovazione necessaria e non per subirla.

Leggi tutto ›

La morale immorale

1 marzo 2016 07:240 commenti
La morale immorale

di Paolo Maninchedda
Bisogna riconoscere al Pd di avere aperto un dibattito insidioso ma inevitabile.
Il Pd governa con il partito di Alfano che nel suo nome ha plasticamente il Centrodestra.
Il Pd ha varato l’importante riforma sulle unioni civili con i voti determinanti dei parlamentari che stanno con Denis Verdini.
Il Pd governa in diversi comuni della Sardegna con pezzi espliciti o impliciti di centrodestra o si regge da anni grazie al

Leggi tutto ›